>  >  > 
Road-trip: La Nuova Zelanda attraverso le strade dell’Isola del Sud

Parti alla scoperta delle terre della Nuova Zelanda, che offrono un indimenticabile viaggio sulla costa orientale. Niente è paragonabile al piacere di guidare attraverso le distese selvagge dell’Isola del Sud per esplorare tutte le ricchezze di una regione dalle mille sfaccettature. Da nord a sud, la tua road map ti condurrà dai fiordi e dai mitici ghiacciai alle spiagge dorate dalle acque turchesi del Parco Nazionale Abel Tasman, attraverso gli immensi laghi e le cime innevate dell’entroterra.

Christchurch: l’inizio del viaggio

1_Christchurch

Una volta noleggiata l’auto Europcar disponibile in aeroporto, basterà una mezz’ora di viaggio per raggiungere Christchurch, nel cuore dei paesaggi variegati di Canterbury, una regione fatta di vette e di pianure.
Passeggiando per Cathedrale Square, attorno alla chiesa anglicana, nei quartieri residenziali o nei giardini botanici di Hagley Park, scoprirai la verve calorosa della più grande città dell’Isola del Sud, giustamente soprannominata “la città dei giardini”.

All’inizio del tuo road-trip, Christchurch offre un programma con un’ampia varietà di scelte: visite culturali in uno scenario architettonico e storico sempre segnato dall’influenza britannica, attività sportive (sci, rafting, mountain bike, golf…) e tesori del patrimonio naturale.

Direzione Akaroa

2_Akaroa

Situata ad 87 km da Christchurch, Akaroa, “lunga baia” in maori, merita una deviazione. Calcola circa un’ora per accedere all’unico paesino francese della Nuova Zelanda, fondato dai coloni nel XIX secolo.
Hai 2 opzioni: attraverso la SH574, il tragitto tortuoso di una strada che fiancheggia la montagna e che offre dei panorami indescrivibili sulla baia, ma che richiede la guida di veicoli leggeri, o attraverso la SH75, l’itinerario più breve e diretto, consigliato per il piacere di guidare tra colline verdeggianti, ammirando Akaroa che emerge all’orizzonte.

Cambiando direzione su Summit Road, attraverserai la penisola di Banks fino a destinazione, costeggiando le vette. In alternativa, prosegui direttamente fino a Dalys Wharf, affascinante porticciolo i cui negozi accolgono i turisti in riva al mare.

Kaikoura, una sosta 100% natura

 

3_Kaikoura

Lungo i 190 km che conducono a Kaikoura potrai effettuare delle soste gourmet, in primo luogo nella regione vinicola di Waipara, poi in corrispondenza di roulotte parcheggiate sul ciglio della strada che vendono a buon prezzo delle favolose aragoste fresche.
Pittoresca città costiera collocata tra mare e montagna, Kaikoura promette dei memorabili incontri con delfini, balene od otarie, attratti dalla ricchezza dei fondali marini dell’Oceano Pacifico.

Prima di rimetterti alla guida, non dimenticare di assaggiare i gamberi, fiori all’occhiello della gastronomia locale, ai quali la città deve il suo nome maori, Kai, che significa cibo, e koura, che significa gambero!

In macchina verso il Parco Nazionale di Abel Tasman

4_Parc_National_Tasman

Partendo da Kaikoura, potrai accedere al parco Abel Tasman attraverso la città di Nelson dalla Route 6, dopo un percorso lungo 290 km.

Situato nell’estremo nord-ovest dell’Isola del Sud, è il parco più piccolo del Paese, ma anche il più visitato. Per scoprire il suo panorama dove si costeggiano spiagge da sogno, fiordi maestosi, falesie di granito a strapiombo e foreste rigogliose, imbocca la Coast Track, la famosa pista frequentata da molti escursionisti, e ritorna alla tua auto con un taxi boat.

Punakaikii, la via d’accesso alle Pancake Rocks

5_Punakaiki

In meno di quattro ore, la strada occidentale ti conduce a Punakaikii, costeggiando il litorale del mare di Tasmania, in uno scenario di sabbia nera e vegetazione selvaggia, nel Parco Nazionale di Paparoa. Eccoti ai piedi delle Pancake Rocks, chiamate così per la loro caratteristica struttura, simile a delle pile di pancake giganti in roccia calcarea! Uno spettacolo mozzafiato, in particolare durante l’alta marea, quando il mare s’insinua nelle cavità rocciose, scatenando degli impressionanti geyser di acqua salata.

Sulla strada dei ghiacciai dell’Isola del Sud

6_Glaciers

Dalle terre di Greymouth, segnate dalla storia della corsa all’oro, alle alte cime dell’Isola del Sud, i Monti Cook e Tasman, la strada panoramica si dispiega per 240 km, dandoti il benvenuto nella regione dei ghiacciai.
A piedi per i più coraggiosi o in elicottero per gli amanti delle emozioni forti, tante escursioni offrono la possibilità di tentare l’esperienza fuori dal comune di scalare i ghiacciai Franz Josef e Fox.

Destinazione Queenstown

7_Queenstown

Per chi sente di avere un animo da pilota, 330 km e circa 4 ore di tornanti in montagna, attraverso Haast Pass. Continuando, sulla strada più alta della Nuova Zelanda, destinazione Queentown, conosciuta come la capitale mondiale delle attività all’aria aperta. Cosa aspetti per rimetterti al volante e raggiungere la prossima tappa ?!

Fjordland, attraverso il più bell’itinerario della Nuova Zelanda

8_Fjordland

Una volta superati i controlli di polizia a Te Anau, la strada diventa solo piacere e scoperta, attraverso i territori fiabeschi del Fjorland.
Considerata come una delle più belle del mondo, la strada serpeggia nelle vallate verdeggianti, dove le cime innevate delle Earls Mountains si riflettono nei celebri laghi “specchio”. Attraverso la foresta secolare, immortalata sul grande schermo in “Il Signore degli Anelli”, arriverai al fiordo attraverso l’Homer Tunnel, scavato tra il 1935 e il 1954 in una montagna ritenuta fino ad allora invalicabile.
Dopo 20 km di curve tra i canyon, si profilano le rive del leggendario Milford Sound, descritto da Rudyard Kipling come l'”ottava meraviglia del mondo”. Poco importa il tempo o la stagione, resterai a bocca aperta, a contemplare lo spettacolo delle cascate vertiginose e delle falesie, scolpite dall’era glaciale, che si stagliano dalle acque scure verso il cielo.

Da Wanaka a Tekapo, l’ultima tappa del viaggio

9_Wanaka

La regione dei laghi ti dà il benvenuto al termine del tuo itinerario neozelandese, proponendo un programma turistico finalizzato al relax dopo lunghe ore di guida: passeggiate attorno al lago a Wanaka, degustazione di vini a Rippon Valley, sosta al lago Tekapo per fotografare “la chiesa del buon pastore”, un bagno nelle acque calde e la contemplazione dell’eccezionale panorama sul parco nazionale del Monte Cook dalla vetta del Monte John, ad oltre 3.700 metri d’altitudine.

Piccolo promemoria del codice stradale neozelandese: avere 21 anni, patente internazionale, rispettare i limiti di velocità (100 km/h in campagna e sulle rare autostrade; 50 km/h in città), rispettare la segnaletica e, ovviamente, la guida è sempre a sinistra!

Prudenza sulle strade, spesso a senso unico, non sempre asfaltate e spesso sottoposte a condizioni meteorologiche tanto estreme quanto variabili, e che, di conseguenza, richiedono un equipaggiamento idoneo, fornito nelle auto a noleggio Europcar.

Comments

comments

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO