>  >  > 
Week-end in Umbria

Sono tante le cose da fare in Umbria. La regione, con i suoi borghi medioevali, il verde e i meravigliosi monumenti, è un vero e proprio scrigno di tesori e, con una saporita gastronomia, offre anche tanti piaceri per il palato.

Un weekend in Umbria partendo da Perugia

Quando si atterra all’aeroporto cittadino, il modo più comodo per raggiungere il capoluogo e poi spostarsi per un tour in auto dell’Umbria, è senza dubbio quello di ricorrere al noleggio di un’auto direttamente presso i box presenti nello scalo. La città dista solo 12 chilometri e, percorrendo la E45, si giunge a destinazione in circa venti minuti.
Perugia ha mantenuto il suo aspetto medioevale e passeggiare tra le sue vie fiancheggiate da antichi palazzi e chiese medioevali è un vero piacere per gli occhi. Tutto è ricco di fascino e magia, a partire dal monumento simbolo della città: la duecentesca fontana Maggiore. Da non perdere, poi, una visita alla cattedrale di San Lorenzo, all’oratorio di San Bernardino e all’antichissimo Pozzo Etrusco. Se si vuole immergersi nell’arte, c’è La Galleria Nazionale dell’Umbria, un vero scrigno di tesori pittorici.

umbria
Thinkstock – ©iStock

Assisi: la culla di San Francesco

La gita sulle strade dell’Umbria può proseguire verso Assisi, meta di pellegrinaggi e sede di capolavori artistici unici al mondo quali la basilica dedicata a Francesco. Bastano trenta minuti di auto sulla E45 per giungere nella cittadina e la visione che si apre al turista lascia stupefatti. Dominata dall’antico castello, tra viuzze fiancheggiate da antiche case si scoprono chiese gioiello: San Rufino, Santa Maria degli Angeli, San Damiano e la basilica, interamente affrescata da Giotto e che ospita la salma del santo.

Visita dell’Umbria in auto: verso Gubbio

Gubbio è una delle altre mete immancabili per chi voglia trascorrere un weekend in Umbria. La cittadina è a 50 chilometri da Assisi e vi si giunge in circa 50 minuti percorrendo la SS444. A Gubbio si scoprono palazzi e chiese medioevali, si può ammirare il panorama circostante dalla bella piazza del Palazzo dei Consoli e, facendo tre giri di corsa attorno alla fontana, si ottiene il diploma di “matto di Gubbio”.
Tra le cose da fare in Umbria, è d’obbligo concedersi un pranzo a base di prodotti tipici quali il tartufo, i salumi di cinghiale e la crescia eugubina.

Comments

comments

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO